CANAPISA STREETPARADE – 16ª Edizione

canapisa-streetparade-2016-osservatorio-antipro-pisa-588x419PISA, Sabato 28 Maggio 2016:
16A Edizione “CANAPISA STREETPARADE”

PARTENZA ORE 17:00 DA PIAZZA SAN ANTONIO A PISA

Per maggiori info, iscriviti all’evento Facebook:
★ Canapisa Streetparade 2016 – Pisa centro ★

Per una maggiore consapevolezza

Il proibizionismo planetario ha ormai compiuto 51 anni, tanti sono gli anni passati dalla prima Convenzione ONU del 1965 sugli stupefacenti voluta dagli USA con l’obiettivo dichiarato di reprimerne il traffico e la diffusione nel mondo, ma con il risultato evidente di aver contribuito all’espansione del primo, facendo schizzare alle stelle il valore di mercato della merce droga, e aver favorito la seconda, rendendola clandestina e creando dal nulla l’annichilente mito della droga come scelta di ribellione al sistema.

L’azione e la propaganda proibizionista hanno così sortito l’effetto contrario, acuendo e non superando le problematiche che si proponeva di risolvere.

Oggi, proprio dalla patria stessa di questo dispositivo di governo, tutto l’apparato proibizionista viene messo in discussione! Negli USA infatti sono già 17 gli stati che hanno messo mano alle legislazioni sugli stupefacenti e hanno dato vita a diversi gradi e livelli di legalizzazione della cannabis.

Alcuni Paesi sudamericani propongono i loro modelli di legalizzazione contestando e richiedendo apertamente la modifica, o addirittura lo stralcio, delle Convenzioni ONU sulle droghe.

Il rapporto stesso della Commissione ONU preposta alla valutazione delle politiche antidroga mondiali ha messo in discussione il paradigma repressivo sulle droghe e apre le porte ai discorsi sulla legalizzazione, ispirati ai dettami dell’approccio propri della cosiddetta “Riduzione Del Danno”.

In Italia invece il dibattito sulla legalizzazione sembra congelato, è del tutto assente o lo troviamo nei punti secondari delle agende politiche dei partiti e dei movimenti, non se ne parla apertamente e pubblicamente, la questione è quasi tabù. Anche se, in alcune regioni e negli ambienti degli addetti al lavoro degli operatori di strada c’è molta effervescenza sperimentale.

Dopo mezzo secolo di narcotraffico globale, con tutto il suo portato di lacrime e sangue e fiumi di denaro, che come un’alluvione devastante ha provocato e sta provocando disastri umani, sociali e ambientali, i discorsi attorno alla legalizzazione si stanno concretizzando.

Purtroppo in Italia come in Russia, alcune forze politiche, che fanno della retorica della “Guerra alla Droga” un cavallo di battaglia elettorale centrale, e le organizzazioni dedite al narcotraffico, che hanno accumulato enormi profitti con il mercato nero delle sostanze illecite, rappresentano i principali ostacoli alla legalizzazione e all’affermarsi di politiche ragionevoli sull’argomento.

Più di 50 anni di proibizionismo hanno creato molta ignoranza e falsi miti, paure e cattiveria, hanno distrutto relazioni, deflagrato il tessuto sociale scatenando piccole e grandi guerre. Gli effetti più nefasti e sottili di tali politiche sono l’odio e la paura che rendono quasi impossibile la costituzione e alla diffusione di un pensiero critico e consapevole sul fenomeno droghe e della convivenza delle diversità umane, anzi favoriscono un specie di razzismo contro chi è etichettato come drogato e ne favorisce l’apartheid, con tutto il suo portato di discriminazioni e di mostrificazione delle persone incasellate in schemi e categorie predefinite per la loro provenienza etnica, religiosa o che fanno particolari scelte di stile di vita.

Questa naturalmente è una “Visione del Mondo”, una possibilità, non la sola ed inevitabile realtà che bisogna accettare necessariamente. Purtroppo questa visione spesso negata, alla quale non si da alcun credito o possibilità di espressione, viene così paradossalmente rafforzata.

Quindi è fondamentale per un cambiamento dell’attuale paradigma personale e collettivo sugli stupefacenti, che qui si auspica, partire proprio dal l’accettazione e dal riconoscimento anche di questa “Visione del mondo” come presupposto per il suo superamento.

Questa Visione, in maniera clandestina, viene presa in considerazione e viene sperimentata, valutata, socializzata e verificata ogni giorni, da migliaia di persone nel mondo. Lentamente sta prendendo piede un’ altro paradigma sociale che si diffonde tra quei soggetti e in quegli ambienti e movimenti sinceramente interessati e disinteressatamente sensibili a questioni ambientali, economiche e spirituali.

La “Carta dei Diritti delle Persone che Usano Sostanze” del 2014, alla stesura della quale lo stesso Osservatorio Antipro Canapisa ha lavorato, rappresenta un chiaro esempio per comprendere cosa si muove lontano dalle luci della ribalta mediatica mainstrem.

La situazione appare scottante e pericolosa, ma allo stesso temo viva ed entusiasmante, intorno a questa vicenda si definiscono importanti equilibri di potere personale e collettivo che coinvolgono e riguardano tutti, più o meno direttamente.

Viviamo sulla stessa barca ed è vitale che la rotta non sia quella del proibizionismo che con le sue politiche repressive di concreto ha provocato principalmente militarizzazione, disastri e degenerazione di varia natura, in primis quella di aver rafforzato organizzazioni sociali spietate e senza scrupoli che per mezzo del riciclaggio del denaro sporco hanno potuto investire enormi risorse per il controllo dell’intero sistema economico nel quale ci ritroviamo coinvolti.

Quando l’Ultimo albero sarà abbattuto, l’ultimo fiume avvelenato, l’ultimo pesce catturato, soltanto allora ci accorgeremo che i soldi non si possono mangiare
Antica profezia Cree degli Indiani Lakota

Iniziamo ad essere protagonisti della nostra vita nel rispetto degli altri e di noi stessi e della nostra e dell’altrui essenza. Per essere liberi da ogni dipendenza imposta e non essere strumento inconsapevole di nessuno!

Senza una cultura critica e consapevole della storia delle droghe e del loro uso rituale, si prospetta un futuro non chiaro. Canapisa vuole essere una luce che renda più chiara la strada da percorrere nel presente e nel futuro.

Canapisa 2016
Sabato 28 maggio PISA

Manifestazione nazionale antiproibizionista,antipsichiatrica, ambientalista ed ecologista

PER MAGGIORI INFO, ISCRIVITI ALL’EVENTO FACEBOOK:
★ CANAPISA STREETPARADE 2016 – PISA CENTRO ★


Comments are closed.