Mag 15 2016

CANAPISA STREETPARADE – 16ª Edizione

canapisa-streetparade-2016-osservatorio-antipro-pisa-588x419PISA, Sabato 28 Maggio 2016:
16A Edizione “CANAPISA STREETPARADE”

PARTENZA ORE 17:00 DA PIAZZA SAN ANTONIO A PISA

Per maggiori info, iscriviti all’evento Facebook:
★ Canapisa Streetparade 2016 – Pisa centro ★

Per una maggiore consapevolezza

Il proibizionismo planetario ha ormai compiuto 51 anni, tanti sono gli anni passati dalla prima Convenzione ONU del 1965 sugli stupefacenti voluta dagli USA con l’obiettivo dichiarato di reprimerne il traffico e la diffusione nel mondo, ma con il risultato evidente di aver contribuito all’espansione del primo, facendo schizzare alle stelle il valore di mercato della merce droga, e aver favorito la seconda, rendendola clandestina e creando dal nulla l’annichilente mito della droga come scelta di ribellione al sistema.

L’azione e la propaganda proibizionista hanno così sortito l’effetto contrario, acuendo e non superando le problematiche che si proponeva di risolvere.

Oggi, proprio dalla patria stessa di questo dispositivo di governo, tutto l’apparato proibizionista viene messo in discussione! Negli USA infatti sono già 17 gli stati che hanno messo mano alle legislazioni sugli stupefacenti e hanno dato vita a diversi gradi e livelli di legalizzazione della cannabis.

Alcuni Paesi sudamericani propongono i loro modelli di legalizzazione contestando e richiedendo apertamente la modifica, o addirittura lo stralcio, delle Convenzioni ONU sulle droghe.

Il rapporto stesso della Commissione ONU preposta alla valutazione delle politiche antidroga mondiali ha messo in discussione il paradigma repressivo sulle droghe e apre le porte ai discorsi sulla legalizzazione, ispirati ai dettami dell’approccio propri della cosiddetta “Riduzione Del Danno”. Continue reading


Nov 14 2013

Riduzione del danno, verso l’Europa

itardd napoliSiamo in un paese dove “riduzione del danno” (rdd) è espressione cancellata dai documenti  ufficiali e siamo governati ormai da troppi anni da un Dipartimento antidroga che ha fatto dell’Italia un minoritario paladino di un approccio iperproibizionista  in una Europa che, invece, cerca  strade per mitigare gli immani danni della politica globale  sulle droghe. Eppure, e nonostante, “in direzione ostinata e contraria”…  la rdd si fa, in Italia, e con cocciuta capacità non solo di tenuta ma anche di innovazione. E’ questo soprattutto che si è potuto vedere a Napoli, nella due giorni dell’8 e 9 novembre promossa da Itardd, Rete italiana di Riduzione del Danno:  nata dal basso nel 2011, fortemente voluta da operatori, professionali e pari, e consumatori attivisti: circa 150, ad oggi, e 33 associazioni, ma il trend delle adesioni è in costante crescita.  L’appuntamento annuale è stato dedicato al ruolo dei consumatori e degli operatori pari nella strategia e negli interventi di rdd. Il titolo (Un certain regard…. Consumatori e approccio di riduzione del danno) ha voluto rilanciare una caratteristica fondante ma troppo spesso dimenticata della stessa rdd: il suo essere basata certo su un buon sistema di servizi e su politiche adeguate, ma principalmente  l’avere radici e prospettiva nelle competenze, conoscenze e soprattutto pratiche di autoregolazione dei consumatori stessi, e operare nella direzione di legittimarle e sostenerle. L’abc, questo, della rdd, fin dagli anni ’80, finito però in un nuovo analfabetismo, sopraffatto da un approccio medico dominante, da una inerzia metodologica, da politiche ideologiche e frenanti. La rete ha voluto invece ricordare come rdd sia appunto uno sguardo diverso sui consumi e i consumatori, che da devianti-vittime-malati  diventano soggetti capaci di apprendimenti, cambiamenti e governo dei propri stili di consumo, qualora i contesti attorno a loro non solo – come dovrebbero – facilitino queste pratiche autoregolative ma in prima battuta almeno non le ostacolino. Continue reading


Nov 1 2013

Un certain regard… Consumatori e approccio di riduzione del danno

itardd napoliSeminario nazionale

Napoli, 8-9 novembre 2013

 

Sala conferenze c/o Gesco – Gruppo di Imprese Sociali – Via Vicinale S.Maria del Pianto, 61, Complesso Polifunzionale

 

Il Seminario 2013 di ITARDD pone al centro le strategie e le pratiche di regolazione e limitazione dei rischi e dei danni attuate dai consumatori, la comunicazione tra loro, gli apprendimenti e le culture condivise, e si interroga su come il sistema di servizi e interventi rdd possa oggi con questi interagire. L’ottica è quella di un approccio rdd alla cui base, e fin dentro le sue pratiche concrete, sta un consumatore visto come soggetto e attore sociale, portatore di culture, competenze e strategie individuali e collettive. In controtendenza rispetto a una prevalente medicalizzazione della rdd italiana, il seminario intende aggiornare e confrontare diverse esperienze e letture delle pratiche di regolazione, delle culture del consumo e delle strategie di limitazione dei rischi e massimizzazione dei benefici rispetto a diversi stili/setting di consumo, partendo dalle riflessioni e dalle pratiche di consumatori e loro organizzazioni, operatori pari e professionali, ricercatori. Il seminario include alcuni consumatori, operatori ed esperti europei. Le sessioni sono introdotte da brevi input preordinati e aperte agli interventi liberi dei partecipanti.

 

scarica il programma completo