Mag 24 2015

Canapisa 2015

Canapisa 2015 10

Canapisa 2015 4

«Basta criminalizzare chi fa uso di droghe, sì ad un uso libero e consapevole», urla al megafono Alberto Mari, uno degli storici organizzatori dell’iniziativa. Lo striscione all’inizio del corteo riassume il senso della manifestazione: «Canapisa libera tutti. No carcere. No psichiatria». Osservatorio anti-proibizionista e Canapisa Crew da anni contestano le leggi proibizioniste, fanno informazione sulle sostanze stupefacenti. Contrastano anche la psichiatria moderna che, dicono gli organizzatori, «impone l’uso di psicofarmaci, in contrasto con il diritto all’autodeterminazione dell’individuo». Nel corteo è presente anche il collettivo antipsichiatrico Antonin Artaud.

I soliti fascisti
Noi Adesso Pisa e Fratelli d’Italia-An hanno consegnato centinaia di firme al questore contro Canapisa. «Durante il colloquio, i delegati hanno riferito le numerose e documentate lamentele che i cittadini che sono accorsi ai banchetti organizzati negli ultimi mesi hanno portato all’attenzione dei militanti che raccoglievano le firme – si legge in una nota -. Il questore, nel prendere atto di questi resoconti dettagliati, si è impegnato a riportare il problema sui tavoli tecnici di sua competenza».
Non si capisce la faccia tosta di certi personaggi, la loro legge è stata bocciata dalla Consulta ma soprattutto, dal punto di vista politico, questi sono i responsabili delle incarcerazioni e delle morti in carcere. Ancora una volta hanno perso un’occasione per stare zitti!


Mag 15 2015

Cannabis terapeutica: assurdo chiudere CraCin Rovigo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAFonte: Blog Lavoro & Salute

Mentre nel mondo da 15 anni la rete mondiale della Million Marijuana March che ogni anno a maggio mobilita centinaia di citta’ su una piattaforma condivisa di tre punti: fine delle persecuzioni, diritto all’uso terapeutico e diritto a coltivare liberamente una pianta che e’ un pezzo del patrimonio botanico del pianeta. Ma in Italia a piu’ di un anno dalla dichiarazione d’incostituzionalità della vecchia legge sulle droghe, la Fini-Giovanardi, si conferma la presenza in carcere di migliaia di persone condannate in base ad una legge non piu’ in vigore, ma ancora recluse a causa del mancato ricalcolo della pena.

La notizia che il governo ha deciso di chiudere il CraCin di Rovigo è gravissima. Si tratta dell’unico centro in Italia che da 15 anni studia, coltiva e diffonde conoscenze sulla cannabis terapeutica.
E’ il CraCin che fornisce le piante all’Istituto chimico farmaceutico militare di Firenze che finalmente dovrebbe cominciare a fornire alle Asl farmaci a base di cannabinoidi.
Evidentemente i commissari incaricati dal ministro dell’agricoltura Martina ignorano gli impegni assunti dalle ministre della Difesa e della Salute affinché si proceda finalmente anche in Italia alla produzione.
Speriamo che si tratti solo di mancanza di coordinamento tra ministeri e che si ponga subito rimedio.
Emerge un quadro sconfortante della confusione che caratterizza l’azione del nostro governo su una materia vitale per centinaia di migliaia di pazienti ma anche il carattere assurdo delle spending review che si continuano a portare avanti.
La produzione pubblica di farmaci a base di cannabinoidi ridurrebbe drasticamente la spesa farmaceutica perché vanno a sostituire farmaci mille volte più costosi e non ci sarebbero più neanche gli oneri derivanti dall’importazione dall’estero. Continue reading

Mag 5 2015

Canapisa 2015 – Manifestazione Nazionale Antiproibizionista

Canapisa 2015PISA – SABATO 23 MAGGIO 2015 – Ore 16:00, Piazza Sant’Antonio
*** APPELLO ***

Con la cancellazione per illegittimità costituzionale della legge Fini-Giovanardi sulle droghe, è rientrata in vigore la precedente normativa del 1990, la Jervolino-Vassali.

Dopo mezzo secolo di escalation proibizionista, la legge Fini-Giovanardi (dal 2006 al 2014) aveva rappresentato un ulteriore inasprimento delle politiche antidroga e la sua cancellazione fa rivivere le politiche architettate per il contesto culturale degli anni 80-90. Ma dagli anni novanta ad oggi la diffusione delle sostanze è aumentata e non riguarda più solo quei soggetti considerati marginali.

Gli unici ad affermare il contrario sono i rappresentanti del Dipartimento Politiche Antidroga (DPA), organismo istituito ad Hoc nel 2006 dalla legge appena dichiarata incostituzionale e che rimane inspiegabilmente ancora in piedi. Quest’apparato politico travestito da istituto scientifico pretende di dettare la verità assoluta sulle droghe e con i suoi poteri straordinari , conferitigli da una delega governativa, rappresenta il maggior nemico alla liberazione della canapa ed ad un approccio pragmatico, sensato e socialmente condiviso delle politiche sulle droghe. Dai suoi annunci traspare con chiarezza l’intenzione di perseverare con la linea ultra proibizionista contro i drogati, fondata su concetti come la deterrenza, la repressione, le cure forzate.

L’attuale programma del DPA considera quella delle droghe una questione esclusivamente medica e criminale e promuove l’uso delle droghe legali, come gli psicofarmaci, per “curare” con la forza i drogati.

Da anni ormai il movimento antiproibizionista denuncia l’inutilità e i danni delle politiche repressive contro le persone che usano sostanze, arrivando a parlare di una vera e propria “questione proibizionismo”, in quanto molti dei problemi provenienti dal fenomeno dell’uso di droghe sono da ricondurre principalmente alle politiche antidroga stesse. Continue reading


Apr 30 2015

Million Marijuana March 2015: Cannabis Bene Comune

MMM 2015 locandina

Fonte: Million Marijuana March

La lunga MARCIA parte da lontano, il traguardo non è ancora in vista, ma più ci si avvicina e maggiori sono i rischi di finire sugli scogli, attirati su false rotte da sciacalli, finti profeti ed ingannevoli sirene.

Siamo da 15 anni nella rete mondiale della Million Marijuana March, una rete che ogni anno in maggio mobilita centinaia di città su una piattaforma condivisa di tre punti: fine delle persecuzioni, diritto all’uso terapeutico e diritto a coltivare liberamente una pianta che è un pezzo del patrimonio botanico del pianeta.

Nella scorsa edizione abbiamo coniato il termine “UMANOPOLIO”, il monopolio all’umanità come negazione del concetto di monopolio. Nessun monopolio quindi, ma Cannabis Bene Comune, da difendere dagli intenti monopolistici non solo delle mafie ma anche delle multinazionali soprattutto del tabacco e del farmaco, in aiuto delle quali sono giunte alcune associazioni antiproibizioniste dichiaratamente favorevoli ai monopoli.

In questa 15esima edizione intendiamo continuare sul percorso da sempre seguito, distante anni luce dalle logiche del profitto e della mercificazione dettata dal neoliberismo e inseguita dagli squali dei grossi capitali, che si avventano su quella che Giancarlo Arnao definiva “la mite piantina”.

Siamo allarmati dalla disinformazione sugli imponenti investimenti finanziari in atto sulla Cannabis in altri paesi del mondo, interpretati dai media nostrani come la fine del proibizionismo. Questa nuova corsa all’oro mascherata da legalizzazione mira ad imporre le stesse regole di mercato che hanno portato ovunque sfruttamento e omologazione, abbassamento della qualità e perdita di diritti.

Questo meccanismo appare evidente per esempio in Canada, dove le quasi 40 mila licenze inizialmente rilasciate ai cittadini in concessione governativa sono state ritirate per essere affidate in esclusiva ad alcune grandi società.

Continue reading


Gen 26 2015

Il governo e “Big Marijuana” colludono per stroncare l’industria medica della marijuana

big-marijuna-to-stamp-out-medical-weed

Fonte: The Free Thought Project.com

Lo storico voto (I-502) nello stato di Washington che legalizza l’uso della marijuana ricreativa, è stata una grande vittoria per la libertà. Ma non va tutto bene sul fronte occidentale.

Il difensore civico della città di Seattle, Pete Holmes, sta spingendo per stroncare l’industria della marijuana medica che esiste a Washington da 16 anni. Holmes vuole portare tutte le vendite di marijuana, ricreative e medicinali, in un unico sistema così da poter imporre pesanti tasse sui malati e criminalizzare i fornitori di marijuana medica.
Il Tavolo di Controllo degli Alcolici (il Liquor Control Board, LCB) di Washington sarebbe l’attore di questo racket. Attualmente, la marijuana medica è soggetta a imposte sulle vendite di circa il 9 per cento, proprio come i farmaci da banco. Se Holmes e l’LCB riuscissero nel loro intento, la marijuana medica verrebbe tassata a un tasso effettivo del 44 per cento (una “tassa del peccato”, sin tax in inglese, applicata a generi o attività che non sono ritenuti essenziali nella vita quali il tabacco, l’alcol o il gioco d’azzardo), lo stesso della marijuana ricreativa.

Non possono sopportare il pensiero che un qualsiasi tipo di marijuana possa essere venduta senza subire “estorsione” da parte delle autorità.
I fautori stanno cercando di chiudere dispensari della marijuana medica abolendo gli “orti collettivi.”
“Gli orti collettivi sono generalmente amministrati dai pazienti per i pazienti, con la più grande preoccupazione per la salute e il benessere dei soci su base no-profit, dove i pazienti cercano di ottenere il farmaco con la più di alta qualità al minor costo possibile. La coltivazione collettiva rappresenta una rete chiusa di produzione e di accesso che vieta la deviazione o la distribuzione verso fonti o destinatari non-medici. Gli orti collettivi devono mantenere la legittimità delle loro operazioni e di chi vi appartiene”. Continue reading


Lug 2 2014

“L’epatite C si cura con la cannabis”, parola dei ricercatori del WIT 01/07/2014

cannabis-terapeutica-laboratorioFonte: Cannabis Terapeutica

L’epatite C è una patologia che ha colpito milioni di persone e per la quale i ricercatori hanno provato per anni a sviluppare un vaccino ed una cura efficace. Oggi sembra che l’attesa sia finita e i pazienti devono ringraziare le virtù curative della cannabis oltre al lavoro dei ricercatori.

La notizia arriva direttamente da un comunicato stampa scritto dal dottor Matt Stone che è a capo del gruppo di ricerca del Wyoming Institute of Technology che si è occupato dello studio: “Il nostro team è lieto di annunciare che, con l’aiuto dei nostri partner farmaceutici, saremo in grado fornire un vaccino efficace per curare l’epatite C entro i prossimi 14-18 mesi e lo dobbiamo tutti alla cannabis“.

La ricerca nel campo della vaccinazione contro l’epatite C è iniziata lo scorso autunno, dopo che una ragazza tra gli stagisti del gruppo aveva asserito che era completamente “guarita” dall’epatite C mangiando e vaporizzando derivati di un ceppo di cannabis che lei stessa aveva inventato, chiamandolo “Chunky Crimson”. “Dopo ulteriori indagini, abbiamo scoperto che non era guarita completamente, ma i risultati iniziali ci hanno spinto ad avviare uno studio completo, che ha avuto inizio nel nostro stabilimento di Denver, Colorado, nel gennaio del 2014″, spiega il dottor Stone. Continue reading


Lug 25 2013

Finisce in carcere per difendere il diritto alla salute

fabrizio_cinquini-300x225

Fonte: Internazionale.it

Dopo essere finito agli arresti domiciliari per due volte, la sua crociata per l’uso della marijuana a fini terapeutici, l’ha ora portato in galera. Fabrizio Cinquini, 50 anni, medico specializzato in chirurgia vascolare, e già al reparto di emergenza territoriale a Viareggio, si trova ora nell’ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo Fiorentino. Per 16 giorni ha portato avanti uno sciopero della fame, lui che negli anni avrebbe sviluppato, tramite autoimpollinazioni controllate, degli ibridi di alta qualità terapeutica, che nemmeno le Asl avrebbero a disposizione, come sottolinea L’Espresso. Lo scorso 22 luglio i carabinieri hanno trovato 277 piante di marijuana nel giardino di casa sua a Pietrasanta. Il medico da poco aveva terminato un periodo di affidamento ai servizi sociali e in 5 mesi avrebbe concluso gli arresti domiciliari, che non gli impedivano di continuare i suoi studi sulla cannabis. C’è da dire che nel 2007, sempre i carabinieri, avevano trovato nella sua abitazione 1167 bustine di semi, accompagnate da indicazioni terapeutiche (ad esempio, contro l’anoressia) e controindicazioni (possibili crisi paranoidee reversibili).

 La nuova denuncia è costata a Cinquini la sospensione dall’Ordine dei medici e rischia 20 anni di carcere essendo recidivo, con l’accusa di produzione e coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. ”Il lavoro di questo medico era senza fini di lucro e con spirito esclusivamente scientifico” mette in chiaro il giornalista Fabrizio Dentini, che lo ha intervistato, insieme ad altri esperti e pazienti, nel suo libro-inchiesta “Canapa Medica” (240 pp., 15 euro, Chinaski Ed.) in uscita a settembre, come ricorda Ilaria Lonigro su L’Espresso. In cui Cinquini dichiara: ”Dal 2000 ad oggi pago la mia ostinazione e la mia coerenza, anche professionale, che deriva dal giuramento di Ippocrate, con continue carcerazioni”.


Mag 21 2013

Cannabis terapeutica. Non bastasse il DPA, ora ci si mette pure l’AIFA…

PIC

Fonte: Pazienti Impazienti Cannabis

Ce lo aspettavamo che prima o poi sarebbe accaduto, ma è molto peggio di quel che si poteva razionalmente prevedere. La Determinazione dell’AIFA pubblicata sul supplemento n°33 alla Gazzetta Ufficiale del 30 aprile scorso, in cui viene concessa l’Autorizzazione all’Immissione in Commercio al “Sativex” rappresenta una chiusura totale, devastante ed inaspettata, per l’uso terapeutico dei farmaci derivati dalla cannabis in Italia: in poche ore siamo tornati indietro di moltissimi anni, dopo una brevissima primavera di speranza.

Grazie ad un insieme di disposizioni incredibilmente rigide ed antiscientifiche, dall’evidente sapore di propaganda politica antidroga, è una dichiarazione di guerra ai malati, uno schiaffo alle loro necessità e speranze. Il Sativex sarà prescrivibile solo per quel malato di sclerosi multipla, che sia affetto da spasmi intrattabili con tutti gli altri farmaci antispastici. L’AIFA specifica, in Gazzetta Ufficiale, che i pazienti dovranno inoltre aver dimostrato “un miglioramento clinicamente significativo dei sintomi associati alla spasticità nel corso di un periodo di prova iniziale della terapia”.

Non bastasse, l’AIFA ha anche deciso che il Sativex si prescriverà solo con “ricetta limitativa” (RL), cioè si limita la prescrivibilità ai soli neurologi e centri ospedalieri, e viene ostacolato anche l’utilizzo delle preparazioni magistrali galeniche, che grazie a questa trovata saranno probabilmente vincolate alle stesse limitazioni. Continue reading


Apr 3 2013

I° Festa della Semina – Ex Colorificio Liberato

Festa semina Pisasabato 13 Aprile 2013 @Ex Colorificio Liberato Pisa

Quest’anno per la prima volta l’Osservatorio Antiproibizionista/Canapisa Crew ha deciso di festeggiare la Festa della semina; ma non sarà una semplice occasione di ritrovo ludico ma una precisa scelta politica che si inscrive all’interno di una battaglia più ampia, quella antiproibizionista, una battaglia che parla anzitutto di diritti negati. Ogni anno cresce in Italia il numero degli arresti legati all’ambito droghe e molti di questi riguardano i consumatori e le consumatrici di cannabis.

Il meccanismo perverso e criminale del proibizionismo si alimenta e trae linfa da leggi securitarie e vive e si rigenera in un clima culturale e politico troppo spesso dominato dall’ignoranza, un ignoranza che le attuali leggi antidroga eleva a sistema di dominio. Si tratta di un meccanismo che da una parte proibisce e criminalizza, e dall’altra incrementa all’ennesima potenza i profitti delle narcomafie stringendo il consumatore verso la repressione da un lato e verso le dinamiche legate al mercato dello spaccio dall’altro. La nostra festa della semina è dunque un gesto di liberazione e di riconquista di uno spazio pubblico, perchè dice in maniera molto semplice e lineare che è possibile sgretolare il fronte proibizionista a partire dalla nostra quotidianità, da gesti che possono apparire anche banali e simbolici, come quello di piantare un seme per difendere un bene comune! Piantare un seme per liberarsi appunto dalla logica delle mercificazione a cui la canapa così come tutte le altre sostanze è sottoposta; per liberarsi dallo strapotere delle narcomafie; per ricostruire un rapporto anche culturale nei confronti di una sostanza naturale.

L’autoproduzione e la condivisione, unite alla consapevolezza, sono logiche proprie di una sana cultura antiproibizionista, ed è questa la cultura che vogliamo diffondere organizzando eventi come la Festa della Semina, convinti che ogni singolo seme, ogni singola pianta che riesce a crescere rappresenta una scelta di sottrazione dalle logiche di mercificazione delle sostanze e contribuisce a togliere un mattone dal muro del proibizionismo. E’ giunta l’ora di piantarla con il proibizonismo.

L’Osservatorio Antiproibizionista/Canapisa Crew una realtà che da quasi da quindici anni pratica antiproibizionismo e rivendica il diritto ad un uso sia ludico sia terapeutico delle sostanze che la legge proibisce. Siamo ben consapevoli che questa nostra cultura sta fuori dai giochi economici e da quelli di potere, ma siamo sempre più convinti che l’autoproduzione sia l’unica soluzione dal basso per disintegrare il proibizionismo e le narcomafie che da questo stato di cose traggono carburante. Continue reading


Apr 1 2013

Festa della Semina al Csoa Gabrio

Festa semina gabrio 2013Scambio di semi e piantine | Condivisione di saperi | Controinformazione | Autoproduzione
—- Ore 21:
Verso il primo Cannabis Social Club Torino: Incontro con i pazienti

—- Dalle 23:

Live from Torre del Greco (NA)

|||||||| FUNKY PUSHERTZ ||||||||
aka Boom Buzz, Red Dog, Mastu Nzò, Kayaman, Tonico70

||||||| Mr. T-Bone meets DJ Pachelo |||||||

dancehall by:

||||||| Gigawave |||||||

NO POLICE | NO SMAZZO !

CSOA Gabrio Torino | CSA Terra di Nessuno Genova | Ex-Colorificio Liberato Pisa